Edith Macefield superstar

Edith Macefield's vacant home in Ballard will soon have a new owner.  The late owner's to sell resonates with people who have left this celebration and memorial to her.

Thursday March 23, 2015.

Nel quartiere di Ballard, a Seattle c’è una casetta ammassata tra due gigantesche costruzioni grigie, conosciuta con il nome di Up House.
La centennale abitazione apparteneva a Edith Macefield, la quale si rifiutó di venderla (in cambio di un’offerta milionaria) per lasciare spazio ad aree commerciali.

Il soprannome nacque quando Disney mise dei palloncini sul tetto della casa per promuovere Up, un film dalla trama molto simile a quella di Macefield, nel quale un caparbio anziano si rifiuta di vendere il suo immobile per accomodare nuove costruzioni.

La residenza data i primi del ‘900 e fu costruita a Pioneer Square (il piu’ vecchio quartiere di Seattle), ma la madre di Edith la fece muovere nell’ubicazione attuale.

Le due vissero nella stessa abitazione sino alla loro morte (rispettivamente nel 1976 e nel 2008) e nessuna delle due cedette alla tendenza “condo a bizzeffe” della NeoSeattle, nonostante l’intero vicinato venisse demolito, in modo esponenziale, giorno dopo giorno.

20150805_183605

Edith Macefield divenne una celebrita’ locale. La vecchietta che disse di no! al grande magnate, partigiana di seconda generazione che rifiutó offerte sempre pù grandi, una donna dai mille misteri che si considerava un artista, scrittrice e musicista. Pubblico’ indipendentemente un libro, affermó di aver servito come agente segreto durante la seconda guerra mondiale, di essere evasa da Dachau (portando con sè molti bambini ebrei) e di aver adottato e cresciuto ben oltre 27 bambini.

Eppure non c’e’ traccia nè di erediti nè di parenti.
Praticamente non la conosceva nessuno e al suo funerale parteciparono solo poche persone.

La casa fù lasciata a Barry Martin, un manovale impiegato in una costruzione nelle vicinanze, con il quale Edith fece amicizia durante gli ultimi anni della sua vita. Barry cercò di trovare foto o cartoline che comprovassero la sua vita all’estero ma non trovó nulla. Nessuna prova dei suoi tre mariti o foto del figlio (il quale sarebbe morto di meningite a 13 anni).

Col tempo, la casa fù venduta ma per molto meno di quanto fù offerto a Macefield.

La vita enigmatica di Edith ne ha aumenta la sua  leggenda, generando così un eroe popolare.
Edith Macefield sarà sempre ricordata come quella donna solitaria che combattè pacificamente per i diritti di tutti di coloro che non vogliono essere soffocati da cemento e ferro.

20150805_183716

 

Effetto farfalla:

Tags:

One Response

  1. francesco says

    veramente ottimo!!!!!